Modulo detrazioni canone Rai: le novità

Modulo detrazioni canone Rai: le novità
Cambia il modulo di autocertificazione per l’esenzione dal canone RAI. Con un provvedimento del 24 febbraio 2017, l’Agenzia delle Entrate pubblica il nuovo modello e le relative istruzioni (anche se per 60 giorni dalla data del provvedimento si potrà continuare ad utilizzare il vecchio modello).
Cambia il quadro B, quello relativo all’addebito del canone a due soggetti appartenenti alla medesima famiglia anagrafica. In questo caso infatti, uno solo dei soggetti è tenuto al pagamento e occorre compilare il quadro B dell’autocertificazione, segnalando i dati del parente esentato dall’addebito.
Viene introdotto il quadro C, che servirà per comunicare la variazione dei presupposti di una dichiarazione sostitutiva precedentemente resa. Ad esempio supponiamo il caso di un contribuente che abia inviato l’autocertificazione di mancato possesso entro il 31 gennaio 2017. Nel frattempo ha però acquistato un apparecchio televisivo. Con il nuovo quadro C, il contribuente dovrà comunicare il venir meno dei presupposti attestati in una precedente dichiarazione sostitutiva.
In questo quadro va indicata la data di presentazione dell’autocertificazione precedente e il canone verrà addebitato a partire dal mese in cui è presentato.
Si consiglia di non omettere questa dichiarazione, dal momento che l’Anagrafe tributaria grazie alle comunicazioni dei dati rilevanti ai fini IVA, da parte dei venditori di apparecchi televisivi, potrà effettuare in maniera agevole l’incrocio tra codice fiscale dell’acquirente e autocertificazioni di mancato possesso.

Per quanto riguarda il quadro A, ricordiamo i termini di presentazione determinando quindi l’applicazione delle dovute sanzioni.